Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for maggio 2011

Un pezzullino uscito oggi sul Corriere Fiorentino

Non è un mistero che la tanto decantata «scuola di qualità», promessa dall’ennesima riforma, resti, per ora, nel libro dei sogni del ministro Gelmini. Basta avere un figlio, un nipote, un fratello che ogni mattina si siede in un banco o dietro una cattedra per rendersene conto. Aule mezze sgarrupate (con finestre che ti cadono addosso), computer (quando ci sono) già vecchi e obsoleti, palestre sistemate alla buona in qualche garage o addirittura condivise con la scuola più vicina.

Ma, secondo i sindacati fiorentini, ci sarebbe ancora un altro diritto che verrebbe negato ai poveri ragazzini di materne e elementari: quello alla pipì. E già: «A Firenze — dichiarano a Repubblica — esistono scuole dove i bagni sono chiusi a chiave al di fuori di orari prestabiliti, come la ricreazione o il cambio dell’ora, in cui gli alunni possono essere accompagnati tutti insieme da una persona». Insomma, questo l’assunto dei sindacalisti di Cgil, Cisl, Uil, Gilda e Cobas, per colpa dei tagli della Gelmini i vostri figli non potranno più fare la pipì quando gli scappa, ma solo in orari prestabiliti. Solo una provocazione? C’è da augurarselo. Perché se fosse davvero così i presidi (ma perché no, anche la Gelmini) rischierebbero di essere incriminati per sequestro di persona. Nessuno (ci siano uno o dieci bidelli a disposizione) può impedire, infatti, a un ragazzino di cinque anni di andare in bagno se gli scappa, è chiaro a tutti.

Non ai sindacati, però, che sulla scuola vanno avanti, ormai da anni, in una rituale campagna di demonizzazione.  Descrivere il ministro come il «diavolo» responsabile di tutte le disgrazie non porta a nulla. Anzi, allontana la possibilità di un confronto serio su ciò che funziona (ed è da valorizzare) e su ciò che non va nella riforma voluta dal governo Berlusconi. In che modo abitare la scuola è un tema importante, che investe la qualità, il comfort degli ambienti dove i nostri ragazzi studiano e crescono, le persone che ci lavorano (quante e come). Parliamo di questo e lasciamo in pace i bambini: la pipì non può avere turni. Soprattutto a scuola.

Antonio Montanaro

Annunci

Read Full Post »